Skip to content
Narrativa

Salva te stesso

Per il momento era chiara soltanto una cosa: ciascuno ha la sua vocazione, la sua missione, il suo ruolo. E tutti siamo trascinati nell’ignoto dal flusso delle concatenazioni causali in una realtà incomprensibile ma che percepiamo (singolarmente e tutti insieme).

Del resto non è un’idea nuova: «Come sferzati da spiriti invisibili, i solari cavalli del tempo traggono la carrozza lieve del nostro destino; e a noi non resta che farci animo, reggere le redini, e ora a destra ora a sinistra governar le ruote a evitare quel sasso, quel precipizio. Chi può saper dove vada? A mala pena ci si ricorda donde si viene» Nell’Egmont Goethe ha trovato queste immagini per descrivere il problema.
Altri autori ne hanno utilizzate altre.

E così noi guidiamo il carro, quindi nel corso della vita siamo liberi, almeno in parte, di fare tutto quello che ci aggrada: possiamo buttare via la nostra intelligenza o svilupparla, affliggerci o gioire della vita, amare o odiare. Il mondo sarà come lo abbiamo costruito, almeno fino a quando non affioreranno i conflitti del subconscio.

Però non dobbiamo dimenticare che, a differenza di noi, Dio ha molti giorni. Può permettersi di fare e di disfare per raggiungere una perfezione nota soltanto a lui. Gli esseri umani hanno soltanto una possibilità di diventare cocreatori dell’Universo, anziché sbiadite comparse prive di volontà: conosci te stesso e conoscerai il mondo, dicevano gli antichi. Ma a dire il vero anche loro intuivano che è un’impresa difficilissima.

E chi di noi si prenderà la pena d’intraprendere una simile ricerca?
E quanti tra i saggi noti come portatori della verità l’hanno trovata davvero?

«Sono pochi coloro che sanno da dove vengono».

Per speculare sul futuro bisogna comprendere il passato.

Boomerang

Selene Luise

“Antony” di Sylvia Kant

Stefania Saralli

Un fiore tra le pietre

Stefania Saralli
[]