Skip to content
Poesia

RICHETTO SAREBBE QUI

Uno come Richetto manca

per una decina di vite. Più manca

più le notti

sono mangiate dal fresco, le notti e il fresco sulla materia dell’albero.

Il fresco era il suo pudore

e un languore che ti arriva domani

che non hai dormito un cazzo.

Ora sarebbe qui diagnosticando

nulla

che nessuno vuole.

Nessuno.

Ma sarebbe qui

tra le lenzuola di vino

i bicchieri piccoli

e i fichi gonfi, quelli di Settembre

che acchiappa nonno Antonio a Maggio

Richetto sarebbe qui

con la tuta le mani incollate di vernice

la faccia di chi sa e non dice, sarebbe qui

sudato di pensieri, con le risposte

che il caldo aspetta. Sarebbe qui perchè

qui trovava lo zero tra il polo negativo

e quello positivo. Sarebbe qui

davanti la migrazione degli stupidi

sarebbe qui perchè no ? Se lo appassionava

non lo so.

Sarebbe qui

senza nessun dubbio

con in mano niente

con in mano tutto che nessuno aveva. Richetto sarebbe qui

per la notte e il suo pigro emergere

e scomparire

dentro la notte, al suo essere

totale.

Richetto sarebbe qui.

Sarebbe qui.

DIGLIELO

masser

L’albero di ciliegio

rossross

OMBRE E OSCURITA’

Matteo Rolleri
[]