Skip to content
Scrittori emergenti

Intervista a Pino Campo

Vi propongo questa interessante intervista allo scrittore Pino Campo, un’occasione per conoscerlo meglio.

pino campo

Ciao Pino, ci racconti un po’ di te?Pino Campo è lo pseudonimo di Giuseppe Campo. Sono un dipendente regionale e mi occupo di protezione ambientale per conto del Parco dei Nebrodi, il più esteso Parco Naturale della Sicilia. Il mio lavoro mi permette di stare sempre a contatto con la natura e la gente. La mia vita è divisa fra il lavoro e la famiglia, composta da una moglie, Cettina, che adoro e da una figlia, Chiara, che mi da grandi soddisfazioni. Il tempo libero, oltre alla stesura dei miei romanzi, lo occupo dedicandomi ai lavori agricoli in una piccola proprietà, che considero anche il mio eremo personale.

Come è entrata la scrittura nella tua vita e che parte occupa attualmente?

Da sempre appassionato della lettura, mi è sempre piaciuto ascoltare e leggere storie. Ho cominciato a scrivere quando avevo tredici anni. In terza media mi sono innamorato della scrittura grazie al mio insegnante di letteratura. A quei tempi ho letto tutti i classici per ragazzi. In seguito, per vari problemi, sia familiari che personali, per qualche tempo ho dovuto abbandonare l’idea di scrivere e qualunque altra passione, dedicandomi soprattutto a cercare di venir fuori da una situazione alquanto critica. Quando finalmente sono riuscito a tirarmene fuori, lo spirito letterario ha preteso il proprio spazio. Ed eccomi qui, dopo una decina d’anni dalla stesura del mio primo romanzo, alle prese con il quarto che, spero, vedrà la luce verso la primavera di quest’anno.

Stili una scaletta prima di scrivere o segui l’ispirazione?

Ho provato più d’una volta a stilare una sorta di linea guida, ma alla fine sono sempre stati l’indole e il carattere dei personaggi a guidare le vicende delle mie storie. Una volta creati si sono sempre comportati come se vivessero di vita propria, al pari di persone reali. Con i loro vizi e le loro virtù. Il romanzo poi, ogni romanzo, l’ho sempre visto come una creatura vera e propria, alla pari di un figlio che, dopo essere stato generato e venuto alla luce, è naturale seguire mentre muove i primi passi, educare e permettergli di crescere. Ma, alla fine, arriva sempre il momento in cui andrà per la sua strada, con un carattere proprio e delle aspirazioni che magari andranno in direzioni opposte a quelle che i genitori avevano sempre sperato e desiderato per lui.

Hai già pubblicato dei libri? Quali?

Ho già detto che sono al mio quarto romanzo. Il primo è stato pubblicato nel 2010 da una piccola Casa Editrice locale, la “Frammenti Edizioni”, dal titolo “Il giardino di casa”. Nel 2015, per il mio secondo, ho deciso di auto pubblicare, dopo aver sottoposto “Il tribuno pretoriano” a editing. Si tratta di un romanzo storico, ambientato alla fine del terzo secolo, alla vigilia dell’ultima grande persecuzione cristiana. Sono andato alle radici del santo che ha dato il nome al mio paese natale: San Teodoro, morto martire per la fede. Quest’ultimo romanzo è stato tradotto già in francese a cura di un collega d’oltralpe. Spero di rimetter mano presto al suo sequel.

Alla fine del 2016, invece, esce “All’ombra del fico” il seguito del mio primo romanzo, “Il giardino di casa”, pubblicato da “Le Mezzelane”, una nuova realtà editoriale seria, non a pagamento e che non chiede contributi a nessun titolo, che valuta attentamente i testi meritevoli e ne cura ogni aspetto fino alla distribuzione e alle presentazioni. La consiglio senza riserve a chiunque voglia sottoporre i propri testi a una valutazione.

pino campo

Infine, anticipo di avere in cantiere tanti progetti, che porterò a termine senza fretta.

Come descriveresti te stesso?

Trovo sempre un ordine nelle mie cose, in mezzo al disordine che ha sempre regnato nella mia vita.

Una storia, ogni storia, non ha mai una vera e propria fine.

Come descriveresti il tuo rapporto con la scrittura?

Essendo un po’ lunatico, non sono mai stato assiduo riguardo a nulla. Questo vale anche nel mio rapporto con la scrittura. Ci sono giorni, o periodi, in cui riesco a essere assai prolisso e altri in cui non trovo nemmeno il necessario entusiasmo per mettermi davanti al pc. Questi periodi, me ne rendo colpevolmente conto, sono intercalati da lunghi periodi in cui non riesco a metter giù una sola parola, pur cercando sempre soluzioni narrative nuove al lavoro che ho sottomano in quel dato momento. Se dovessi definirmi, direi che non mi piace essere configurato in un solo, determinato genere, ma che mi piace spaziare, cercando di amalgamare i diversi ingredienti e generi perché penso che la scrittura e la narrativa siano come la vita: all’interno c’è tutto. Così come per ogni personaggio e per ogni storia, nell’arco della propria esistenza un uomo, ogni uomo, è costretto a confrontarsi con così tante situazioni, mutevoli, da trovarsi immerso in tante di quelle storie e a provare tutti i sentimenti. È così che vedo le storie da narrare: un cocktail di generi, che va dal romantico al thriller, passando dal rosa, al giallo e alle favole. In conclusione, cerco di far lottare i miei personaggi per qualcosa, desiderare e amare come ogni uomo su questa terra. Forse, l’unica cosa che metto davanti alle altre è l’eterna lotta che ognuno di noi è tenuto a ingaggiare per la propria sopravvivenza o per cambiare un destino avverso. Cosa comune a tutti, ma che ognuno affronta a modo proprio, in maniera totalmente diversa rispetto agli altri.

Un solo termine può rendere l’idea del mio modo di vedere la scrittura e che è ricorrente in tutti i miei romanzi: il verismo. Infatti, cerco sempre di raccontare storie attinenti alla vita di ogni giorno, pur con ambientazioni storiche, e cerco sempre di non scostarmi troppo da come vanno veramente le cose a questo mondo. Ma forse un giorno, scriverò qualcosa che andrà molto in là con la fantasia…

 Qualche link utile per seguire l’Autore:

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/pino.campo.3

Sito personale: www.pinocampo.it

Gruppo di lettura: https://www.facebook.com/groups/645379222238810/

Pagina del mio secondo romanzo: https://www.facebook.com/search/top/?q=IL%20Tribuno%20Pretoriano

Concorsi Letterari Gratuiti con Premi in denaro in scadenza

Carla

Intervista a Giulia Savarelli

Carla

Intervista a Stefano Giannotti

Carla
[]