Skip to content
Poesie a tema Poesia Letteratura Letteratura italiana Citazioni

Pasqua di Ada Negri

Pasqua

di Ada Negri

pasqua poesie

E con un ramo di mandorlo in fiore,
a le finestre batto e dico: «Aprite!
Cristo è risorto e germinan le vite
nuove e ritorna con l’april l’amore
Amatevi tra voi pei dolci e belli
sogni ch’oggi fioriscon sulla terra,
uomini della penna e della guerra,
uomini della vanga e dei martelli.
Aprite i cuori. In essi irrompa intera
di questo dì l’eterna giovinezza ».
lo passo e canto che la vita è bellezza.
Passa e canta con me la primavera.

ada negri pasqua

Ada Negri, nata a Lodi, 3 febbraio 1870  e morta a Milano l’11 gennaio 1945, è stata una poetessa e scrittrice italiana, ricordata anche per essere stata la prima e unica donna a essere ammessa all’Accademia d’Italia.

Il padre Giuseppe era un vetturino e sua madre, Vittoria Cornalba, una tessitrice. Ada passò l’infanzia nella portineria del palazzo dove la nonna, Peppina Panni, lavorava come custode presso la nobile famiglia Barni, legata un tempo al celebre mezzosoprano Giuditta Grisi, fino alla morte della quale era stata governante Peppina: sul rapporto tra Grisi e la sua famiglia, Ada costruirà il mito della propria infanzia. In portineria Ada passava molto tempo sola, osservando il passaggio delle persone, come descritto nel romanzo autobiografico Stella Mattutina (1921).

 

Le sue opere poetiche sono: 

Fatalità, Milano, F.lli Treves, 1892
Tempeste Milano, F.lli Treves, 1895
Maternità, Milano, F.lli Treves, 1904
Dal Profondo, Milano, F.lli Treves, 1910
Esilio, Milano, F.lli Treves, 1914
Orazioni, Milano, F.lli Treves, 1918
Il libro di Mara, Milano, F.lli Treves, 1919
traduzione inglese da Maria A. Costantini: The Book of Mara, New York, Italica Press, 2011
I canti dell’isola, Milano, Mondadori, 1924
traduzione inglese da Maria A. Costantini: Songs of the Island, New York, Italica Press, 2011
Vespertina, Milano, Mondadori, 1930
Il dono, Milano-Verona, A. Mondadori, 1936
Fons amoris,1939-1943, Milano, A. Mondadori, 1946 (postumo)
Le cartoline della nonna, Firenze, Giunti-Nardini, 1973 (postumo)
Poesie, a cura e con introduzione di Silvio Raffo, Milano, Mondadori, 2002 (postumo)

Le sue opere di narrativa, invece, sono:

Le solitarie, novelle, Milano, Castoldi, 1917
Stella mattutina, Roma-Milano, A. Mondadori, 1921
Finestre alte, novelle, Milano, A. Mondadori, 1923
Le strade, Milano, A. Mondadori, 1926
Sorelle, Milano, A. Mondadori, 1929
Di giorno in giorno, prose, Milano, A. Mondadori, 1932
Erba sul sagrato, intermezzo di prose, 1931-9-1939-17, Milano, A. Mondadori, 1939
Oltre, prose e novelle, Milano, A. Mondadori, 1946 (postumo)
Santa Caterina da Siena, Biografia, Edizione Cateriniane, 1961

Ci sarebbe tanto ancora da dire sulla sua vita, ma chiudo semplicemente con una sua citazione:

«Ho consegnato il manoscritto delle mie novelle “Le solitarie”. Vi è contenuta tanta parte di me, e posso dire che non una di quelle figure di donna che vi sono scolpite o sfumate mi è indifferente. Vissi con tutte, soffersi, amai, piansi con tutte».

(da Le solitarie, 1917)

Vladimir Vladimirovic Majakovskij

Marilina Ciocola

Pape Satàn Aleppe

Marilina Ciocola

RAGAZZO OCCHI TRISTI

Matteo Rolleri
[]