Skip to content
Libri in evidenza

“Ophelie potresti essere tu!” di Vivien Zinesi

Ophelie è un adolescente, frequenta le superiori. Vive le sue giornate divisa tra famiglia, amici, compagni di classe e la scuola. Potremmo dire che è un autentica sognatrice appesa ad un sottile filo che divide il tempo dell’infanzia e quello della vita adulta. La protagonista, nella sua vita caotica piena di continue cadute e di lotte, cresce e matura all’interno del libro con il susseguirsi degli eventi che la vita ha inserito nel suo percorso.

ophelieVive in un piccolo paesino e studia oltre i confini, a scuola è enfatuata da un ragazzo ma per lei è solo uno dei suoi tanti sogni. Con i genitori l’atmosfera è serena, potremmo definirlo un tranquillo tipico scenario ma agli occhi di una sedicenne pesano le parole non scambiate o non dette, pesa il piccolo distacco che ogni giorno porta figli e genitori ad allontanarsi piano per arrivare a far diventare i giovani degli adulti. Pesano le responsabilità che da adolescenti prendiamo sotto gamba perc quel nostro modo di sentirci invincibili per poi ritrovarci un minuto dopo ad aver perso tutta questa leggerezza e cadere nel panico. Con i compagni di classe fa esperienze e viene invitata ad una festa di compleanno. Come ogni adolescente adora le feste e passa il tempo a fantasticare sul futuro e tra sogni e realtà, a scuola viene presa di mira per la sua amicizia con il ragazzo sul quale adora fantasticare e che crede di amare, Mattew. Nel frattempo, la sera della vigilia di natale decide di evadere dalla casa dei nonni. Corre verso il suo luogo preferito e la, in quella fredda notte incontra Christopher. La sua vita insieme a quella di Mattew, Chris e delle sue compagne di classe Eveline, Carolina, Dasy e Stella si intrecceranno all’attesissima festa di compleanno e solo in quel momento Ophelie si lascerà trasportare, invadere da sentimenti ed emozioni che la porteranno a confondersi. Tutto ciò non basta, risvegliandosi da tutto questo riceve una notizia che la porterà a cambiare davvero, una perdita che la porterà ad essere una persona diversa.

Ebbene “Ophelie potresti essere tu!” è proprio quel passaggio intermedio tra quei due tempi e incarna perfettamente quello che succede nella vita di ognuno di noi quando ci troviamo nel mezzo. Questo testo tratta le tipiche problematiche adolescenziali ma con una nota caratteristica, trovare sempre una nota positivia, un qualcosa che in quei periodi, dove la nostra vita è più fragile, ci porti a capire chi siamo ed inoltre un altro punto di forza di questo romanzo è che le esperienze che vive ognuno di noi ci accomunano grazie all’esperienza che ci lasciano e a ciò che ci insegnano.

L’AUTRICE SI RACCONTA COSì:

“Il mio percorso di scrittrice nasce nel 2014, più precisamente a Novembre, durante l’ultimo anno di scuola superiore, quando ho pubblicato con l’editore Marco Serra Tarantola di Brescia il primo romanzo dal titolo: “Ophelie potresti essere tu!”. Romanzo fantasy-autobiografico che tratta le tematiche adolescenziali ed ho sostenuto iniziando a lavorare in una pizzeria d’asporto. Recensito sul Giornale di Brescia nel 2015 dalla giornalista Piera Maculotti. Visto il poco tempo a disposizione, in quegli anni, per via degli impegni scolastici e lavorativi, ho deciso di partecipare a concorsi letterari per racconti brevi. Nello stesso anno partecipando al concorso letterario emanato dalla casa editrice Historica di Francesco Giubilei, la cui selezione degli scritti per l’antologia è a cura della giornalista Viviana Filippini, con il racconto breve: “Il salice piangente” ho vinto la pubblicazione dello scritto nell’antologia “Racconti Bresciani”. Sempre nello stesso anno sono stata premiata con pubblicazione del racconto breve a tema “uomo-natura-ambiente” e targa di riconoscimento alla V edizione del Concorso internazionale artistico letterario emanato dall’associazione AMBIART di Milano la cui premiazione è avvenuta con la presenza del professor Pepe del programma Unomattina in onda su RAI 1, lo scritto è pubblicato nella raccolta “Concorso Internazionale Artistico Letterario AMBIART V edizione 2015” con la targa di riconoscimento per la menzione speciale dello scritto “Sola”. In seguito, oltre a numerose presentazioni sul territorio bresciano, sono stata accolta al programma radiofonico Librare a cura di Marina Brognoli presso Radio Bruno. In questo stesso periodo ho aperto un blog personale sulla piattaforma webnode all’indirizzo “www.m.only-me52.webnode.it” accessibile più facilmente dalla pagina facebook dedicata a questa mia attività e portante il nome “Vivien Zinesi”, nonchè il mio; che tengo entrambi regolarmente aggiornati. Inoltre sul blog è possibile trovare la pubblicazione dei racconti brevi che hanno vinto i vari concorsi, la cui lettura è gratuita, inoltre è possibile trovarvi i video delle presentazioni e delle premiazioni, gli articoli di giornale che ho scritto, in un breve periodo, per la rivista culturale on-line Storie Magazine, ormai chiusa. Nel 2016 sono stata premiata con lo scritto “Cioccolata calda, Viola?” al concorso Racconti Bresciani emanato da Historica e pubblicato nell’antologia “AA.VV. Racconti Bresciani”. Nello stesso anno, dopo aver concluso il percorso degli studi superiori ad indirizzo Geometra, ho iniziato a scrivere recensioni di libri contemporanei e non per un blog “www.loscrivodame.com” di Lorenzo Dati. Successivamente ho preso un periodo di pausa dalla scrittura per orientarmi nel mondo del lavoro, ad oggi sono riuscita a diventare Geometra con abilitazione alla libera professione e collaboro con lo Studio Tecnico Tecno Progetti di Calvisano con gli Ingegneri Maccabiani, Scollato e Bressanelli ed i Geometri Ottonelli e Clerici. Nel 2018 mi sono iscritta all’Università degli Studi della Repubblica di San Marino per continuare il percorso formativo di studi nell’indirizzo Costruzioni e gestione del territorio, laurea triennale per Geometri. Nello stesso anno è stato possibile per me, grazie al Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Brescia, scrivere articoli di giornale sulla professione del Geometra per il periodico “Il Geometra Bresciano” del quale attualmente curo la rubrica Novità di legge. Nonostante ciò, nello stesso anno sono riuscita a partecipare e ad essere premiata al concorso letterario internazionale emanato da AMBIART in collaborazione con SISMA Onlus ed il patrocinio di Regione Lombardia, con il racconto breve “Temperata primavera” premiato con targa di riconoscimento per il premio speciale unico per la Lombardia. Quest’anno tra i tanti impegni, ho in previsione l’antologia “Sogni di carta” contenente tutti gli scritti brevi inediti che nel corso di questi due anni ho redatto per altri concorsi nei quali non mi sono stati riconosciuti meriti. Inoltre, tra qualche mese, mi ritroverò con alcuni amici scrittori e musicisti in data 31 Maggio presso il locale BAM di Bedizzole in provincia di Brescia per una presentazione animata delle nostre opere. Con questo gruppo di persone organizziamo eventi culturali e uno scambio di pensiero per scrittori e non, se siete interessati teniamo un gruppo su Facebook chiamato “Scrittori in libertà” aperto a tutti”.

Buona lettura!

 

Seconda possibilità di Renato Ghezzi

Carla

“Always” di Giada Melarancio

Carla

La pistola a vapore: un romanzo di Mario Tancredi

Carla
[]