Skip to content
Poesia

Oniriche confusioni

Domeniche come queste

non ne vedevo da un po’:

chiudere gli occhi e poi

ritornare a vivere!

 

Vedevo i miei ricordi

parlare con i miei giorni;

ridevano confusi

nella mia camera da letto.

 

Restare

e parlare

o voglio solo uscire?

Dimenticare? non si può fare,

ce li ho tutti dentro me

ad improvvisare strani ritmi e

ad alimentare i propri vizi.

 

Intanto mi agito ancora

e muoversi è un’illusione e

quello che mi resta da fare

è solo assecondare

ballare

suonare

 

in questa testa che trema

in questo letto che suda

con questa sveglia che non suona

 

Stop!

Invidie e delicate bugie

Carolina De Filippis

BARBARA ESISTE

Temp User

Un uomo

admin
[]