Skip to content
Poesia

L’URLO di Matteo Piergigli

Lingue di fuoco e sangue tingono il fiordo nero.
Il legno del ponte mi sorregge.
Solitudine lunga una vita.
Non sono più un uomo.
Lo specchio non mente, che cosa sono diventato?
Ho paura per il mio destino.
Ho paura della vita.
Ho paura della paura.
Non posso che urlare la mia umanità.
Urlo, nessuno mi sente.

Mancanza

Carla

Ho incontrato la ragazza che sorride

Peppe Cilione Gringo

UN CAVALLO BIANCO DECIDE LA NOTTE

masser
[]