Skip to content
Poesia

l’albero

con il vento le sue foglie erano andate via,

dai suoi rami traspirava la malinconia,

verso il cielo una preghiera s’innalzava ormai,

chè la folgore finisse i pochi giorni suoi…

La corteccia troppo stanca dei graffiti altrui,

anche lei pativa a stento quei momenti bui,

poca linfa alimentava quella vita adesso,

il virgulto che era stato si piangeva addosso!

Poi una goccia all’improvviso bagnó il suo dolore

e la terra inumidita cominciò a vibrare,

ricordando che le lacrime di un cielo nero

fanno bene per pulire in un giorno scuro

la sporcizia e la tristezza di chi più non spera

di chi senza sogni muore e perde la sua cera

di chi è stanco di lottare e sente tutto vano

ma una lacrima e poi un’altra portano lontano

quel malessere che prima era così vicino

ed i rami al nuovo sole fanno il loro inchino

mentre l’albero ha dimenticato il suo tormento…

…resta solo e lo accarezza adesso un dolce vento!

 

 

 

l

Ho incontrato la ragazza che sorride

Peppe Cilione Gringo

ECHI D’ACQUA NEL VENTO

Matteo Antonio Rubino

PAURA

admin
[]