Skip to content
Narrativa

LA SERENATA

Questo è un accadimento che tocca scrive in romano che sinnò nun c’ha senso. Ieri sera me ne stavo tutta sbracata sul divano, a guardà un po’ de tv co mi fratello piccolo pe’ aspettà che se facesse l’ora d’annà a letto. Era pure una de quelle sit-com che te fanno tajà, che c’hai piacere a vedelle insomma, quann’ecco che da fori parte una musica, alta, spaesata, quasi nun sapesse manco lei che dovesse fà, perchè stesse a sonà. C’era pure la Roma ieri sera, c’era Totti cor cucchiaio, e se sà che i romani quanno gioca la Roma li devi solo che lassà stà. Eppure sta musichetta, dopo un primo attimo de assestamento, pija e parte, che se fa sentì da tutto er comprensorio. Dopo le prime note, ‘no sguardo complice co mi fratello pe’ capì che er tempo della televisione era finito, bisognava solo uscì fori ar barcone a vedè che stava a succede. Quann’ecco che proprio mentre se stavamo a arzà dar divano, se innarza una voce bassa e stonata, scura e tutta imbarazzata: “Ti sposerò perchè..”. Penso che in quer momento preciso me devono esse brillati l’occhi. “Je sta a fà la serenata!!!” E allora so uscita scarza sul barcone co li piedi tutti freddi, che tanto che me ne fregava de li piedi, me so sbrigata a uscì seguita da mi fratello pe’ godemme ‘sta romanticata. E sotto c’era sto tipo tutto esposto, co tutti li parenti e amici de dietro a mo’ de semicerchio, tutti a assiste ‘sto poraccio che chiaramente nun sapeva quello che stava a fà. O mejo, lo sapeva, ma nun lo sapeva fà! E continuava a cantà co ‘sto computer davanti che je suggeriva le parole, era er trionfo de la serenata moderna, cor karaoke, le casse e tutto er resto! Me faceva ‘na tenerezza che solo le femmine possono capì! E ‘sta stronza che nun s’affacciava mai! Che poi è quello che doveva fà, però se sa che quanno stai a aspettà la madamigella de onore dell’occasione nun vedi l’ora che esce no?!? Fremevo tutta pe’ vedè ‘sto spettacolo dell’affacciamento dar barcone che manco quer poveraccio de sotto che cantava! Alla fine quella cristiana je l’ha fatta a affacciasse: era la moretta der sesto piano del palazzo de fronte. Fortunatamente io, abitando ar settimo de piano, me so potuta godè tutta la sceneggiata! E insomma s’è affacciata e me sa che s’era messa pure a piagne, tutta emozzionata, tutta in ghingheri co ‘sta magliettina verde che chiaramente nun te metti pe’ stà a casa dopo cena, tutto sto tempo armeno s’era cambiata! Lui poi quanno l’ha vista nun ve dico, so arivate le stonate più stonate de tutta la canzone, e quanno poi finarmente j’era finito sto supplizio, ancora cor micofono in mano je fa: “Che famo, salgo io o scenni tu?”, e insomma alla fine è salito lui perché se sa che le donne se devono sempre fa desiderà. E mentre lui saliva, lei da sopra che fa a li parenti: “Aoh, ma quanno la devo lancià ‘a rosa? Che io nun so pratica de ‘ste cose!” E tutti a dije che doveva aspettà la terza canzone, non prima che porta sfiga! Mentre accadeva tutto ‘sto chiacchiericcio ecco là che er giovinotto neo-sposo s’era fatto ‘sti sei piani. E io speravo che lei nun se movesse da quer barcone, che la volevo proprio da vedè la scena dell’incontro! E infatti stette lì fino a quanno er giovinotto arivò e… e niente, se diedero solo un bacetto sulla guancia! Ce rimasi proprio male, era così assurdo che mi fratello pensava nun fosse er futuro marito ma er fratello! Però dopo se strinsero, e quanno l’amica de lei se torse da li cojoni (era stata tutto er tempo là assieme all’amica), lui un bacio fatto bene glielo diede. E poi s’affiacciarono, e là er finimonno de li parenti e de li amici: tutti a urlà, tutti a fischià, tutti a applaudì da sei piani più in basso; i fidanzati quindi scesero a bacià e abbraccicà tutti quelli che stavano là sotto. E poi a ballà: loro aprirono le danze, ma tutte le coppie alla fine s’erano messe a ballà! E alla fine la serenata se chiuse co “Sarà perché ti amo”. E certo la canzone d’apertura sarà stata pure scontata, e quella de chiusura te lascia tutta la perplessità de un: “ma che davero?”, ma se tu a un certo punto chiedi a Roma de nun fà la stupida stasera e je chiedi le stelle più brillarelle che c’ha, allora sì che t’è venuta ‘na bella serenata, ‘na bella serenata romana. ‘Sta serenata qua m’ha dato da pensà, che pure a me che ‘ste cose nun me piaciono più de tanto l’avrei apprezzata. Perché pe’ amore tuo, pure se sà de nun sapè cantà s’è schiarito la voce e ce s’è messo. Perché pe’ amore tuo, ‘sto romano ha scerto consapevormente de perdese la maggica, de nun dà retta, pe’ sta serata, ar capitano, e de pensà solo a te, che sei l’amore suo.

Il romanzo-luce

Selene Luise

Pur Troppo!

Maria

Non è mai troppo tardi

Selene Luise
[]