Skip to content
Libri in evidenza

Il giardino degli amori perduti: un libro di Alessandro Faino

IL GIARDINO DEGLI AMORI PERDUTI

Una storia di passione all’ombra dell’acciaieria più grande d’Europa di Alessandro Faino

Il giardino degli amori perduti


Il giardino degli amori perduti è una cartolina di Taranto, la “città dei due mari”, come si mostrava
fino al 1960, quando cominciò a prendere vita il IV Siderurgico italiano. È pure il piccolo podere di
Cataldo Stefani, sopravvissuto agli espropri dell’Italsider e in cui il maestro di scuola ed ex operaio
dei cantieri navali svela al figlio Petro l’incanto del mondo e le afflizioni dei sogni contrastati. Gli
amori perduti sono fantasmi di destini incrociati: quelli di Cataldo, Petro e di una famiglia che
attraversa cent’anni di storia, quelli dei loro amori tormentati e, sullo sfondo delle proprie vicende,
i destini di molti che abitano quella terra. Il Giardino degli amori perduti è un romanzo sull’amore
che pervade le nostre esistenze fragili e su una generazione, cresciuta con l’Ilva, che non ha mai
smesso di vagheggiare un sogno di bellezza e cultura.


ALESSANDRO FAINO è originario di Giffoni Valle Piana, la cittadina salernitana del Giffoni Film
Festival. Vive in Puglia, a Massafra; è un Medico igienista del Dipartimento di Prevenzione ASL
Taranto. Tre figli, una passione per la corsa, la docenza di Igiene presso la sede tarantina della
LUMSA di Roma, Corso di Laurea in Scienze del Servizio Sociale e del Non Profit”. Ha pubblicato:
L’imperfetto amore (Manni), Il compito di Clara (Leone, vincitore Targa speciale del Premio
letterario Il Molinello) e Il mistero della Sacra Spina (Lupo).

“Monstrorum” di Antonio Venezia

Carla

“L’oro di Breno” di Ernesto Masina

Carla

Pezzi di ricambio: un romanzo di Cinzia Doti

Carla
[]