Skip to content
Poesia

ABISSI

Accarezzammo con le mani gli Appennini e il mare, sfiorammo quel tramonto e quelle ombre che erano lì in un cielo chiuso e circondato dal silenzio.
E arrivò la luna con un vento di ponente; era gelido e devastante.
Devastante proprio come quel nemico invisibile che ci fece inabissare quel 27 Giugno 1980 al largo di Ustica .
Quel nemico, un missile ci negò il sorriso, la gioia e la vita.
I nostri corpi, le nostre anime si elevarono sino al cuore del cielo .Si ferì la notte con quei veli di nebbia insanguinanti; i nostri respiri si sollevarono su quelle nuvole sotto un cielo di fiamme e di granate: c’era la guerra nei cieli di Ustica.
E ci inabissammo senza un perché, cademmo lì in quel mare come degli uccelli inermi .
Giunsero un mare di detriti che si cosparsero nel vento: rimase una lunga chiazza di cherosene, sedili salvagenti e tanti corpi inermi: la morte prese con sé ottantuno angeli, adulti e tanti bambini .
Un mare di nebbia ci sommerse per oltre trent’anni regnò l’omertà, regnarono le menzogne e i depistaggi .
Fummo ricoperti di vergogna, una vergogna che dura da oltre trent’anni.
E giunse un vento di tramontana a riscrivere la verità su Ustica: era stato un missile lanciato per un errore….
Era una sera come tante, di fine giugno e un aereo con tanti bambini fu spezzato in due da un missile.
In quel mare, in quegli abissi, rimasero le memorie di quegli ottantuno angeli.

(Antonio De Gennaro)

Gruppo Facebook Poeti nel Mondo

CAMBIARE VOGLIO MA NON SERVE

admin

Rimani così

Salvatore Murgano

Poesia del mese: Settembre di Hermann Hesse

Carla
[]