Skip to content
Interviste

INTERVISTA AD ILARIA ROMITI

BENVENUTA ILARIA!!

Presentati ai lettori di scritto.io in una frase.
Ciao a tutti sono Ilaria, romantica e sognatrice non mi tiro mai indietro per vivere le mie emozioni perché esse sono il succo della vita
Oltre a scrivere, cosa fai nella vita?
Sono educatrice di Asilo Nido da quasi 20 anni, pratico yoga e regeetton.
Il tuo colore preferito?
L’azzurro del cielo e del mare, segno di libertà
Che strumenti usi per scrivere ?
Il cellulare se sono fuori e quando posso il foglio bianco che adoro graffiare con i miei pensieri.
Hai una tua fan page? Se si, è seguita?
Ho una pagina Facebook intitolata Emozioni a colori ossia il titolo del libro! È abbastanza seguita.
https://www.facebook.com/ilariaromitiscrittrice/
A chi dedichi la tua opera e perchè?
La dedico alle mie emozioni in primis che possono scaturire da un ricordo di una persona cara, da una foto, da una persona speciale, dalla natura che mi circonda dato che amo starmene spesso sola all’aria aperta.
Se ripensi a quando hai cominciato a scrivere, cosa ti viene in mente?
Ho iniziato nell’adolescenza e scrivevo pensieri sull’amore e sulla natura
In che momento della giornata preferisci scrivere?
Non ci sono momenti particolari, i versi vengono fuori anche mentre passeggio o lavo i piatti anche se in genere scrivo quando sono sola immersa nel verde o nel silenzio della notte
Quando ti sei accorta che non potevi fare a meno di scrivere?
Quando ho passato un periodo difficile di crisi esistenziale e lo scrivere è stato terapeutico e continua ad esserlo.
Hai pubblicato un ebook, un libro cartaceo o entrambi?
Entrambi! L’ebook è uscito il 12/12/2017e il cartaceo il 18/1/2018 grazie alla CE Le Mezzelane di Santa Maria Nuova.
Quando scrivi, immagini per chi stai scrivendo?
Si sempre! A volte lo scritto è rivolto a me stessa.
Da lettore, quali libri preferisci?
I romanzi in assoluto
Ultimo libro letto?
La cattedrale sul mare
Il percorso dello scrittore non è sempre semplice. Ci sono stati momenti in cui non ci hai creduto nemmeno tu?
Si, perché ero sola a realizzare questo sogno e pensavo di non farcela, invece sono riuscita da sola e ciò ha contribuito ad accrescere la mia autostima.
Quanto tempo hai impiegato nello scrivere il libro?
In due mesi ho inviato tutte le poesie, poi ho dovuto aspettare un pochino per vederlo pubblicato.
Stili una scaletta prima di scrivere o segui l’ispirazione?
Assolutamente no, scrivo di getto e ci ritorno su solo per correggere eventuali errori grammaticali
Se ti dicessi che il tuo libro non venderà molto, lo scriveresti lo stesso? Perchè?
Ha venduto poco e lo sapevo già, ma l’ho scritto lo stesso essenzialmente per me stessa e sono comunque fiera di me.
Ti è mai successo di avere il blocco della pagina bianca? Se si come lo hai superato?
Si nei momenti bui, ma ho continuato a farlo anche se non venivano bei scritti e poi pian piano sono ritornata a riprendere energia.
Com’è stato vedere il tuo primo libro pubblicato?
Una grande emozione e soddisfazione personale.
Cosa vuoi comunicare col tuo libro?
Le mie emozioni a 360 gradi che dovrebbero arrivare al cuore di chi mi legge.
Com’è nato il tuo libro e come hai scelto il titolo?
Il titolo è stato scelto assieme alla CE e appoggia sul fatto che ogni poesia è un’emozione, ogni emozione è un colore e ogni colore è un grido dell’anima.
Perché i lettori dovrebbero leggere il tuo libro?
Per lasciarsi andare e farsi guidare dalle emozioni che scaturiscono dal mio libro
Di cosa tratta il libro?
È una raccolta poetica basata su poesie semplici, con un linguaggio non troppo elaborato che tratta diversi situazioni in cui molte persone possono trovarsi a condividere: l’amore verso il proprio padre, il proprio figlio, la richiesta e il bisogno di essere accettati per come si è e venire ascoltati, l’amore per la natura, l’amicizia.

A tuo figlio che tipo di cultura insegni?
La cultura del rispetto verso sé e verso l’altro e soprattutto il fatto di credere in se stesso e realizzare i propri sogni.
Quale personaggio del passato vorresti leggesse il tuo libro e perchè?
William Shakespeare perché lo adoro.
Qual è lo scrittore che ti ispira di più, e perché?
Margaret Mazzantini perché arriva dritta al cuore con argomenti molto intensi e difficili usando un linguaggio realistico e diretto così da coinvolgerti ancora di più.
Che libro avresti voluto scrivere tu?
Venuto al mondo di Margaret Mazzantini
Un libro che non leggeresti mai e perché?
It e simili perché non amo il genere e credo che gli argomenti trattati non arricchiscono la persona in sé.
Progetti letterari futuri, sogni, idee da attuare per la tua vita?
Scrivere un romanzo d’amore difficile e complicato, andare in Irlanda e magari vivere li gli ultimi anni della mia vita.

Scegli una citazione che rappresenti te.
Ama, sogna e osa…. osa per vivere un’emozione, la tua emozione.
Cosa consiglieresti a chi vuole scrivere un libro?
Semplicemente di scriverlo e di scegliere il modo a lui più soddisfacente per pubblicarlo perché i sogni non vanno repressi, ma realizzati perché la vita si nutre di essi.
Una frase per salutare i lettori di scritto.io
Lasciate da parte per un po’ la ragione e ascoltare il cuore nella vita anche se può farvi soffrire perché solo così potrete avere una vita piena di emozioni e per aiutarvi in questo leggete Emozioni a colori! Ciao a tutti e grazie!

Grazie a Ilaria Romiti

Intervista a Joe Oberhausen-Valdez

Carla

Intervista a Edoardo Santi

Temp User

Intervista a Vincenzo Tagliaferri

Carla