Scrittoio
Image default
Recensioni

A CHI RESTA Di Elena Midolo

 

Perché la vita è un istante
di momenti da custodire in una mano
se non fuggissero nell’oscurità
e altro non resta
se non conservarli
nella memoria eterna.
Poi
con dignità estrema
percorrere
le onerose strade che
evitare non ti è permesso.
Poi
senza catene
accogliere
ciò che avresti voluto fosse stato
e che non è stato
mentre al buio che avanza
una finestra si spalanca
e strappare alle emozioni devi
il coraggio dell’oltre.

        Poesia di Elena Midolo

Questa poesia ci porta a riflettere sull’importanza del Tempo e di come dobbiamo impiegarlo: vivendo l’attimo presente, custodendo i ricordi nel cuore e nella memoria. La vita, con le sue gioie e le sue difficoltà è tutto quello che abbiamo ed è la cosa che più conta per ognuno di noi. Esistere semplicemente non è sinonimo di vivere, vivere il qui e ora è ben altro. “Perché la vita è un istante di momenti da custodire in una mano” Ma che cos’è un istante? Un attimo, un momento, una frazione di secondo, sinonimi di un’essenza in perenne bilico tra il nulla e l’eternità……… “Se non fuggissero nell’oscurità e altro non resta se non conservarli nella memoria eterna”. Solo se abbiamo una piena consapevolezza di ogni attimo della nostra esistenza possiamo davvero vivere. Niente ci appartiene davvero, solo il tempo è nostro. “ mentre al buio che avanza una finestra si spalanca e strappare alle emozioni devi il coraggio dell’oltre”. L’oltre” è un luogo che ci circonda, che ci guarda dall’alto, che ci pervade, che è dentro ognuno di noi. Insomma l’oltre è un posto che si trova ovunque uno sguardo più profondo riesce a posarsi. Si possono chiudere gli occhi davanti alla realtà, ma non ai ricordi.                                                                                                                                                                                      La memoria è il diario che portiamo tutti con noi. (Oscar Wilde)
     Commento di Elita Di Girolamo

Related posts

Il tempo dell’attesa

Selene Luise

Un genocidio nascosto

Selene Luise

La fragilità ovvero l’umanità

Selene Luise

Lascia un Commento