Scrittoio
Narrativa

Tempi duri per ansiosi in incognito

Peggio dell’ansioso c’è l’ansioso che si mostra imperturbabile, perché è quello che più di tutti è condannato a vivere sul corpo tutti gli effetti dei suoi deliri ansiosi.

E più di tutti, il soggetto in questione, sa che pensare al futuro e ripercorrere mentalmente tutte le incertezze, leggere l’ennesima statistica, assistere ad un altro salotto televisivo in cui si parla di aria fritta spargendo panico e rabbia, lo porterà soltanto al consueto reflusso gastrico.

L’ansioso apparentemente impassibile, però, ascolta pazientemente il tizio arrabbiato, che si fa portavoce di “questi giovani ai quali hanno rubato il futuro”.

Se ne sta in silenzio, mentre aspetta il suo turno in farmacia, per comprare integratori di magnesio e quintali di pantoprazolo .

Ascolta e non risponde, perché in un momento di reale serenità è stato sfiorato da questo assurdo pensiero: che non gli hanno rubato ancora niente, perché l’unica cosa che riesce a possedere, uno che non ha manco una macchina, è il proprio presente.

E che sarebbe utile guardarlo, viverlo, sentirlo, se non altro per non ripetere gli errori di chi, qualche generazione fa, ha investito tutto nel futuro e nella’ansia di arrivare da qualche parte, correndo come un treno impazzito.

Ed eccolo: quel futuro è qui. E non è fantascienza, ma tempo che passa, al di sopra di ogni evento umano.

L’ansioso impassibile perderebbe ogni diplomazia per dirsi stufo di tutte queste tirate pessimiste sul futuro.

Gli direbbe volentieri:”Avete Avuto quello che volevate: un futuro col quale sentirvi,  quando era il vostro turno di sperimentare il mondo , vivi, utili, realizzati.

Ma i tempi sono cambiati: ora c’è un enorme bisogno di vivere e pensare al presente, altrimenti la mia già instabile generazione rischia di estinguersi per l’ulcera entro il 2025!”

Ma è un ansioso impassibile ed è arrivato il suo turno. Che il tizio in fila continui pure il discorso col prossimo della fila.

Il pantoprazolo ancora una volta avrà una missione da compiere.

Related posts

L’ombra

adolphkash22

Scogliera

Simone Francesco

La voce muta del mare

Federica Buccellato

Lascia un Commento