Scrittoio
Narrativa

Il sentiero d’inverno

Non ebbi il tempo di dirgli addio. Quello che ricordo della Notte di Natale del 2010 è una sfumatura di cielo, limpida dell’eleganza del sole. Mi ero svegliata reprimendo in me un senso di inquietudine, sbadigliando al riflesso di sogno evidente nei miei occhi. Avevo sognato dei cavallini blu, gli stessi che quando ero bambina avevo chiesto ai miei genitori di regalarmi. Non ci potevamo permettere molto – mio padre lavorava come operaio presso una grossa catena di distribuzione, mia madre faceva la casalinga e arrotondava con il decoupage. Per non deludere le mie aspettative, papà me li aveva intagliati. Ci aveva lavorato per tutto il mese di novembre, sfruttando le poche ore libere che aveva a disposizione. Mia madre lo aveva trovato, una notte, chino e dormiente sul legno, sull’odore che amava e che aveva scelto un po’ di sposare.

Avevo otto anni. Non sapevo cosa significasse l’espressione papà è andato su in cielo; non frequentavo ancora il catechismo e la nostra famiglia si incamminava verso la chiesa solo per battesimi, matrimoni e funerali. Eravamo la gente che preferiva pregare sul cesso o mentre tagliava il soffritto per il ragù. Quando mi illustrarono, o cercarono di farlo, il perché della sua morte, continuavo a ripetermi che aveva fatto fin troppa strada, per uno che non correva mai e che, pareva, volesse farsi una passeggiata lunga lunga, dalla quale non sarebbe tornato; lo avremmo ritrovato poi. Me lo immaginavo stanco, scatarrando. Maledicendo quel vizio maledetto – cartine e tabacco. Ma papà non aveva fatto poi così tanta strada. Aveva fatto dodici passi dalla porta di casa alla vecchia stalla dei cavalli, dove ci aveva fatto il suo laboratorio, quando nonno era morto e nonna aveva smesso di vivere di cose che non erano più. Aveva fatto dodici passi. Gli stessi che avrei fatto io prima di cominciare a morire di incoscienza.

Due estratti del libro “Il sentiero d’inverno” di Serena De Filippi.

Per ulteriori informazioni sul romanzo e sull’autrice clicca QUI

Related posts

E mi troverai fra le parole

Stefania Saralli

Il sole negli occhi

Sere

Mi salverò ?

Michela De Liquori

Lascia un Commento