Scrittoio
Poesia

Eclissi.

In una scatola chiusa,

Senza stelle,

Senza luna.

Possiamo un po’ tutti fingere di brillare.

Persi.

I vecchi sul ciglio della strada,

I gatti,

Le donne appese sui loro cornicioni,

Me, il parapetto e

Il buio di sotto;

Gli usci delle case,

I lampioni e i loro coni di luce

Insapore sul dorso dei marciapiedi.

Le stazioni dei tram,

I cimiteri degli Indiani

Le bambine che saltano la corda.

I faraoni, Cleopatra e le piramidi;

Gli imperatori di Roma e la loro decadenza.

Tutti i Napoleone e i loro bagni di gloria e profumo.

Mia sorella e la sua casa di bambole.

Tutti siamo persi nel vuoto,

Come l’uomo nello spazio.

Tratteniamo il fiato,

Trenta secondi

Prima di dissolverci via

In particelle di polvere

Imbrunite

Da tutte le comete cui voltiamo le spalle e

Non  prestiamo attenzione,

A cui preghiamo

A cui gridiamo.

Tutti in una scatola

Senza stelle,

Senza luna.

Siamo persi, soli,

Non vediamo il fondo del teatro

Il limitare del palco.

Io, il faraone e il gatto

Siamo divisi

Non esistiamo allo stesso rintocco.

Eppure nel buio

Siamo così vicini.

Chi lo sa?

Sullo stesso molo, lo stesso braccio del porto.

Ma in questa scatola buia,

Incrostata di fuliggine e cecità,

Senza stelle e senza luna

Non possiamo far altro che

Brillare.

Per tutte le stelle che l’orizzonte,

Come una lucciola sul pelo dell’acqua

Ha inghiottito.

Io, Eclissi.

 

 

 

 

 

 

Related posts

INFINITO

admin

ANIMALE DA BOSCO

Temp User

IL SOLE

Temp User

Lascia un Commento