Scrittoio
Narrativa

Voglio vivere una volta sola

Il mio abito preferito è celeste, appena sopra il ginocchio, con le bretelle sottili.
Si intona perfettamente al colore dei miei occhi.
Ho i capelli castani, chiari, e gli occhi celesti, appunto. Li ho presi da mio padre.
I miei fratelli hanno gli occhi più scuri. Sono snella, e agile, in questo somiglio alla mamma.
Oltre che per la carnagione, bellissima.
A volte penso che è davvero uno spreco, non essere nata.
Ma non mi lamento. Sono una ragazza ottimista.

In quegli anni le giornate sembravano davvero più lunghe, faceva buio più tardi che a Roma.
C’era più tempo per leggere, per ascoltare la musica, per passeggiare. Si pranzava tutti insieme e si stava tutti insieme a cena. Dopo mangiato i bambini andavano a dormire. Javert si addormentava sul materassino e si addormentava sognando corse a perdifiato. Mulinava le gambe per un po’, poi si calmava e cominciava a russare.

Related posts

LA SERENATA

elisa salvatori

ESSERE FORTE PER DUE NON VUOL DIRE ESSERE IMBATTIBILE

Rob

Il mondo di Sofia

Stefania Saralli

Lascia un Commento